5 COSE DA SAPERE SU...

5 curiosità, spiegazioni e storie su diversi argomenti (territorio, cultura, credenze, tradizioni, ecc.) che ti invoglieranno a proseguire la lettura di questa rubrica.

Come promesso, eccoci con la seconda parte dell’articolo dedicato alle cose da sapere prima di esporsi al sole. La prima parte può essere recuperata sul precedente numero di Pole Position o sul nostro sito al seguente link https://www.poleposition.cz.it/it/rubriche/5-cose-da-sapere-su/372-5-cose-da-sapere-prima-di-esporsi-al-sole-i-parte

L’estate sta per arrivare ma sono già iniziate le prime giornate in spiaggia e per i più fortunati in piscina o in giardino.

Fino all’inizio del 1900, il candore della pelle era considerato non solo simbolo di nobiltà, ma anche uno stereotipo della bellezza femminile. Fu la magnifica Coco Chanel, negli anni ’20, a lanciare la tintarella: ritornò da una vacanza in Costa Smeralda con un'ostentata pelle abbronzata e fu subito imitata dalle sue più famose clienti fino ad arrivare agli anni ’30 quando la televisione a colori consacrò la bellezza delle donne abbronzate.

La pelle ha bisogno di prendere sole e di ricaricarsi; una pelle dorata dona un aspetto più gradevole ed elimina dal nostro viso il grigiore invernalecausato dai lunghi mesi trascorsi principalmente a casa. L’esposizione solare è sinonimo di vita per le cellule del corpo, ma è anche una pratica ricca d'insidie; ecco la prima parte di alcuni consigli per conquistare un bel colorito evitando imprevisti fastidiosi, rilassandovi durante le vostre tanto desiderate vacanze, e – non meno importante - godere di un’abbronzatura sana e duratura fino all’autunno…e non perdete il prossimo numero con altri 5 preziosi consigli!

La popolarità dei drink cresce di anno in anno così come allo stesso modo cresce la complessità delle loro preparazioni. I primi cocktail elaborati nacquero durante il Proibizionismo americano, negli anni ’20 e ’30; l’alcool era vietato e consumato clandestinamente nei locali detti “speakeasies” con liquori di contrabbando e di bassa qualità.

Proprio per questo motivo i baristi tendevano a mixare l’alcool con altri ingredienti creando ricette inedite. Il 24 febbraio 1951, una commissione dei migliori barman del mondo decise di fissare delle regole di dosaggio,  suddividendo i cocktail in gruppi e selezionando i 50 drink più conosciuti e prestigiosi, nonostante questa classificazione ogni giorno, grazie all’estro creativo di tantissimi barman nascono tantissime nuove proposte di cocktail, mixati, serviti e decorati in modi originali e particolari.

Conosciamo i nomi dei cocktail e dove andare a bere i migliori, ma ora preparate il bicchiere e scoprite con noi la storia di 5 famosissimi drink!

L’edizione 2020 degli europei è già destinata a entrare nella storia sia perché avrà il nome EURO 2020 nonostante si disputerà nel 2021 (la pandemia globale di covid-19 tuttora in atto ha modificato i piani della UEFA che ha optato per il rinvio di un anno) e sia perché sarà quella del 60° anniversario del torneo.

Un Europeo così non si è ma visto. Pensato itinerante, attraverso 11 città con stadi importanti che ospiteranno almeno 3 partite dei gironi a testa tra le quali compare anche Roma. Lo Stadio Olimpico avrà l’onore di ospitare, venerdì 11 giugno 2021, la gara inaugurale: Italia – Turchia. Una partita che potrà vedere sugli spalti anche il pubblico: le autorità hanno, infatti, garantito che almeno il 25% della capienza sarà aperta ai tifosi. 

La finale si giocherà l'11 luglio allo stadio di Wembley di Londra.

L’Eurovision Song Contest è il concorso canoro più famoso del mondo, seguito da 160 milioni di persone connesse da più di 160 paesi, è anche il più importante evento televisivo non sportivo.

Nasce nel lontano 1956 a Ginevra e si partecipa per rappresentare la tv di un singolo paese.

Dalla prima edizione il concorso è stato trasmesso ogni anno senza interruzioni, fino all’edizione 2020 (sessantacinquesima della competizione) annullata a causa dell’emergenza sanitaria.

Fervono i preparativi per la nuova edizione, quest’anno in Olanda a Rotterdam, in programma martedì 18, giovedì 20 e la finale di sabato 22 maggio.

Il governo olandese ha accordato il permesso agli organizzatori di accogliere 3.500 persone all’interno dell’Ahoy Arena.

Gli spettatori saranno ammessi con un certificato di negatività a un test COVID-19. Tutti gli artisti e le loro delegazioni dovranno seguire un protocollo molto rigido.

Vediamo cosa altro c’è da sapere su questo evento tanto atteso!